efictionefiction
efictionefiction
efictionefictionefictionefiction
eFiction
Switch Skins

Navigation


Sfoglia per


Contenuti


Recently Added
Le Relazioni Pericolose di Ade e Ares Nc17
Harry Potter è un affermato Auror, felicemente sposato con tre bambini...

La profezia del cerchio scarlatto di Jenevieve Nc17
Pochi anni dopo la fine della guerra, Harry è il più giovane Auror...

London White Owls di Jenevieve Nc17
Draco ed Harry cinque anni dopo la fine dell’ultimo conflitto magico hanno...

Bianco e Nero di Bathilda Nc17
Può un ragazzo impacciato ed insicuro trovare il coraggio e la determinazione...

Autumn di Lux Pg13
"Harry sorrise rilassato sedendosi sulla panchina di plastica al suo fianco...

Tabacco, Segreti e Colpi di Bastone di Bathilda Nc17
"Dal tono esatto della tua risata per la facezia di un amico al sapore...

Lista di beta disponibili di BETAREADER Pg
Elenco di beta presenti su NA, di uso collettivo e aperto a tutti gli utenti.

Nose to the Wind by Batsutousai di krystarka Nc17
Anche se Harry si era accontentato della sua seconda vita, questo non gli aveva...

On A Clear Day (di Sara's Girl) di kendra26 Nc17
Draco Malfoy sta aspettando che la sua vita vera abbia inizio e sembra non essere...

soltanto sesso di Bathilda Nc17
Charlie ha varie doti: un fisico muscoloso, grosso ma definito proprio come...



Story of the Moment
Le Mille e Una Potter! di koorime Nc17
Chi di voi non si è mai chiesto cosa sia successo dopo quel: "-Cruciati...


Aderiamo



Adsense


Se vuoi lasciare un commento, fai il accedi oppure registrati.
Di: Naife (Firmato) - Data: 14/04/2009 23:34 - A: Capitolo unico

Dunque! L'idea è super carina, mi sarebbe piaciuta leggerla più approfondita! Che dire di te? Beh, traduci verametente bene, ci sono certe costruzioni di frasi.. hai mai pensato di farlo come mestiere vero e proprio? Un bacio

Risposta dell’autore: Grazie per i complimenti. Quanto al discorso dell'approfondimento, si vede che all'autrice originale piaceva così... ;-)
A presto!

Di: Lori (Firmato) - Data: 07/07/2008 19:48 - A: Capitolo unico

*si emoziona*
Sai che ho sempre voluto lanciare questa sfida, ma davvero non speravo che addirittura potessi rispondere tu. Anche se, a dire il vero, temo che mi abbia terrorizzato tutte le altre scrittrici, forse è stato deleterio partire subito con il pezzo forte, ora nessuno oserà più mettersi a confronto con questa storia XD
Ecco, come sai bene io non riesco proprio ad immaginare il Molliccio di Draco. Non c'è verso. Eppure, con quanto ci posso aver riflettuto, non mi era mai venuto in mente che potesse essere più di uno. La trovo un'idea geniale!
E sono tutti azzeccatissimi, non c'è che dire. Ammetto che il mio preferito è il primissimo, forse perchè, in fondo, è il meno drammatico. Per carità, per il povero Draco bambino dev'essere stato un vero incubo che prendeva vita, ma agli occhi del lettore diciamo che quella è la paura più sana che ha avuto. Tutto il resto, il terrore di scomparire, Voldemort, Silente, la prigione, il terrore di perdere Harry, sono paure troppo dolorose perchè ci si possa in qualche modo sorridere sopra. Sono cose che nessuna persona dovrebbe mai vivere, sono quello che dimostra quanto è stata dura la vita di Draco.
Per questo è ancora più bello per lui (e per noi) scoprire di essere felice. Scoprire di non avere più il terrore che la sua vita gli si sgretoli tra le dita, scoprire di essere sicuro della propria felicità. Sicuro di Harry.
Sorrido al pensiero di Harry che si punta come un toro da corrida e abbatte a cornate tutte le difese di Draco. Si capisce che il Cappello Parlante voleva spedirlo a Serpeverde, con quella determinazione lì, ci credo!
La cosa che adoro di più, però, è quella piccola esasperazione che Draco prova sempre davanti al Molliccio. E' così Draco, è così da lui mantenere quella punta di cinismo sarcastisco persino quando si trova sulla soglia dell'attacco di panico, che non posso proprio fare a meno di adorarlo. Così come è da lui provare quella sorta di morbosa curiosità del sapere cosa si troverà davanti ad ogni nuovo incontro (per altro, diciamocelo, Draco è piuttosto sfigato. Oppure è come con me con le zanzare. Dici che esisterà uno spray Molliccio-repellente che funzioni?)
Detto ciò, ho un'ultima cosa da dire: VOGLIO che Makani mi disegni la scenetta del Molliccio iniziale, con seguito Qualche ora dopo nella camera dei cogniugi Malfoy (a proposito, *loves Narcissa* per la sua furia da madre protettiva), con Lucius e Narcissa che discutono di come non avranno mai un secondo figlio XDDDD
Ti adoro mia darling, non sai quanto mi hai resa felice con questo gioiellino! E scusami davvero se non te l'ho commentato prima, sono imperdonabile!

Risposta dell’autore: Intanto smettila di dire queste cose carinissime, che poi mi fai arrossire e mi tocca smettere i panni serpeverde e spolverare quelli da tassorosso. Lo sai che il giallo mi sbatte, dai... ;-)
Scherzi a parte, sono incredibilmente contenta che la storia ti sia piaciuta, intanto perchè è la risposta alla tua sfida e ci tenevo a scrivere qualcosa di "buono". E poi era il regalo per Ny, e sai bene quanto mi mandasse in confusione solo l'idea. Però, al diavolo la modestia, devo confessare di essere particolarmente soddisfatta per questo racconto. Mai come in questo caso (allo stesso modo di "Natura viva") ho cercato di capirlo davvero, questo Draco. Di guardargli nella testa e nel cuore, per rendergli giustizia e dargli spessore, quella terza dimensione che accuso sempre JKR di avergli negato. Intendiamoci, non mi illudo mica di aver scritto chissà quali capolavori, ma per la prima volta con questa coppia di storie (che guardacaso sono state scritte una dopo l'altra) ho proprio tentato di immergermi in Draco, e di dargli spazio, sentimenti, un passato, una storia, insomma. Poi, per carità, confesso di aver affibbiato al poverino molte psicosi che mi appartengono, ma che vuoi, le paure sono qualcosa di così irrazionale e radicato che perfino l'attribuirle a Draco in qualche modo funziona da sorta di autoterapia... ;-)
Per Makani... tesoro, a sapere che accetta commissioni, perchè no? Anche se io sono ancora alla ricerca di un pazzo che mi disegni la scenetta di "Sul mio cadavere"... (autocelebrazione, anyone?)
Quanto ai mollicci di Draco, l'idea che fossero tutti diversi è nata proprio dalla considerazione che la sua vita ha subito talemente tanti stravolgimenti che anche quello doveva essersi per forza tasformato. Quanto allo spray, si può sempre provare in Svizzera, sai che lì ci trovo i repellenti più strani... ;-)
Ti ringrazio infinitamente, mia darling, questo tuo commento è stato, mettiamola così, l'ultima seduta di terapia...
Un bacio e un abbraccio!

Di: Salome (Firmato) - Data: 17/04/2008 10:03 - A: Capitolo unico

Che bella questa sfida. In effetti la figura del Molliccio mi ha sempre incuriosita tanto (al di là del fatto che l'Harry Potter di GTS lo vedeva come un batuffolo tutto rosa tipo Puffola Pigmea, e da allora non posso fare a meno di ridacchiare ogni volta che ci penso ;-). Dicevo che mi affascina il Molliccio, perchè incontrarne uno è un po' come affrontare in una volta sola una ventina di sedute di psicanalisi tutte insieme.

Il discorso che fa Draco ad un certo momento di questo tuo bellissimo racconto è vero e più che sensato: nonostante il terrore di doverne affrontare uno, c'è anche la malsana curiosità di sapere in che cosa si trasformerà questa volta. Perchè è verissimo che (salvo alcune eccezioni, e comunque è normale che le paure cambino col passare del tempo, in concomitanza con la crescita della persona) quasi mai si è consapevoli di quali siano in realtà le nostre paure più intime. Cosa ci fa veramente paura? Cosa ci terrorizza davvero? Non è facile analizzare le profondità di noi stessi per riuscire a capire di che si tratta veramente. Spesso non lo si riesce mai a scoprire; peccato che le nostre paure nascoste però ci sono eccome, e si fanno sentire poi in termini di depressioni e paura di affrontare la realtà. Invece i maghi questo problema non ce l'hanno: ci pensano i Mollicci che, volenti o  nolenti, li obbligano ad affrontare a muso duro ciò che più li terrorizza. XDD Beati loro. Quasi...

Povero Draco, quanti ne ha dovuti affrontare prima di trovare un minimo di stabilità emotiva. E uno più spaventoso dell'altro.

La paura dell'arrivo di un fratellino è abbastanza comune tra i bambini, soprattutto se sono vezzeggiati e coccolati come lo è stato Draco durante la sua infanzia. E quelle immagini di Narcissa che scaccia la Creatura come una Erinni, e di Lucius che prende in braccio il suo bambino insegnandogli il Riddikulus, sono di una dolcezza infinita.

La paura che più mi ha fatta sorridere con indulgenza, anche se è tra quelle che più ha devastato l'animo del povero Draco, è stata la seconda, quella in cui Draco cessa di esistere agli occhi di amici e nemici. La paura dell'indifferenza, dell'invisibilità. È tipico di Draco, che è un egocentrico naturale. Ma può essere letta e interpretata sotto molti aspetti: Draco è la classica persona titanica e granitica nella sua convinzione che piuttosto sarebbe meglio subire l'odio che non l'indifferenza. Quantomeno era questo tipo di persona all'epoca della comparsa di quel Molliccio. Ma secondo me, il terrore dell'indifferenza indica tutto tranne che quella sicurezza di sé così tanto ostentata. Perchè alla fine quel Molliccio, secondo me, non indicava tanto il timore di Draco di passare inosservato, quanto il terrore che a nessuno importasse più niente di lui. E questo non è indice di sicurezza, tuttaltro. Dietro la facciata gelida e forte Draco è un insicuro. E come dargli torto, quando la sua vita stava andando inesorabilmente a brandelli? Quando la sua vita in quel periodo non aveva più nessun valore, ma era diventato solo merce di scambio tra Voldemort e la sua famiglia.

E infatti la paura prima di Silente e poi di Voldemort sono state purtroppo reali e tangibili, altro che irrazionali, e ho adorato la tua agghiacciante descrizione del Dark Lord: Un ospite spaventoso e terrificante, con occhi rossi sottili come fessure e una risata tagliente che, Draco ne era certo, sarebbe bastata per uccidere un uomo.
Quella che più mi ha sconvolta però, è stato il Molliccio che ha assunto le sembianze della famigerata sedia di legno con catene annesse (che ricorda tanto la reale e purtroppo esistente e utilizzata sedia elettrica) nell'aula processi. E mi ha colpita il fatto che in quel particolare frangente, la paura più grande di Draco, oltre al processo di per sè ed al vedere se stesso lacero e incarcerato, è stata il sentirsi supplicare Potter di raccontare come sono andate effettivamente le cose, e la conseguente indifferenza negli occhi di Harry, che se ne va abbandonandolo al suo destino di morte.

E questo ancora prima di incontrarlo alla Gringott.

Spesso e volentieri il volto di Harry ha fatto capolino tra le paure di Draco, e sempre caratterizzato dall'indifferenza nei suoi occhi. Chissà come mai Draco ha paura dell'indifferenza di Harry? Io un paio di rispostine le avrei XD

Guarda caso uno degli ultimi Mollicci si trasforma in un Harry che gli volta le spalle e se ne va trascinato via da Ron. Ma quello Draco riesce a scacciarlo, sì, perchè basta la presenza lieve e discreto come un Ungaro Spinato (ahahahahahaha, quanto ho riso non lo puoi capire...) di Harry accanto a sé per dargli sicurezza e stabilità, dopo anni interi trascorsi nella paura del presente e soprattutto del futuro.

Alla fine Draco la trova definitivamente quella stabilità emotiva e quella serenità a cui tanto anelava, e solo grazie a Harry e alla sua caparbietà di non mollare la presa mai, nemmeno per un secondo. Ma Harry è così, si sa ;-)

Ti faccio ancora una volta i complimenti tesoro: questo tuo racconto mi ha completamente stregata.



Risposta dell’autore: (Non provo neanche più a scusarmi per i miei tempi di risposta vergognosi. Però giuro, davvero, ricevere recensioni è un piacere indescrivibile. È solo che non sempre ce la faccio ad arrivare dappertutto. Perdonata? *flapflap*)

Bene. Qui sono ancora più persa della risposta al tuo commento a “A tale of Horns”, quindi spero che mi perdonerai se non sarò all’altezza del commento stratosferico che mi hai lasciato.
Ancora di più a maggior ragione perché questa non è una traduzione, ma una storia mia. Ci tenevo tantissimo a costruire una storia credibile e sensata, sia perché scrivere per Ny è sempre fonte di immensa agitazione per me, sia perché la sfida è stata lanciata da Lori, e l’ansia da prestazione era quasi doppia.
Intanto il riferimento a GTS: questa è una di quelle cose che sono entrate di prepotenza nel mio immaginario. Voglio dire, la spiegazione di Beren è talmente sensata ed inattaccabile che ogni volta devo fare uno sforzo immane per ricordare che non si tratta di un elemento del canone. È un po’ la stessa cosa che mi succede con gli Horcrux di Secrets: ho ancora le mie brave difficoltà a ricordare che l’Horcrux di Corvonero è un diadema e non uno specchio, ma comunque… ;-)
Dicevo, il Molliccio tutto rosa di GTS è rimasto lì, in qualche modo, a saltellare in giro per la mia testa, perché quando sono arrivata a chiedermi di cosa aveva paura un Draco adulto, felice e in qualche modo realizzato, ho cominciato a perdermi in mille ragionamenti assurdi. E alla fine l’idea di non sapere cosa sia in realtà un Molliccio si è tradotta nella paura dell’ignoto da parte di Draco. Non so se ha senso, in qualche modo…
Perché la verità è che, come ho già scritto a molte altre persone, in questo caso il lavoro preparatorio alla storia è stato più che altro un gran rimuginare sul come, sul perché, sul quando. Ho provato a fare un sacco di psicologia spicciola al Draco canonico, perché anche se JKR ne ha fatto un personaggio piatto e senza qualità, non potevo inventarmi paure idiote che lo avrebbero fatto apparire irrimediabilmente OOC. E così sono saltati fuori quei Mollicci lì, quasi per conto loro. Quasi come se fosse stato Draco stesso a confessare quali erano le sue paure.
Quanto al fatto che il Molliccio in sé e per sé è meglio un ciclo di sedute di psicoterapia, sono perfettamente d’accordo. Anche se, sotto sotto, sono convinta che in certi casi l’ignoranza sia una benedizione… ;-)
Tesoro, non so come ringraziarti per la scorpacciata di commento che mi hai scritto. Sappi solo che quando ho finito di leggero (e rileggerlo a ripetizione…) il sorriso ebete che avevo in faccia non sono proprio riuscita a cancellarmelo dalla faccia…
Grazie ancora e un bacione!

Di: Geilie (Firmato) - Data: 16/04/2008 16:39 - A: Capitolo unico

fantastica!!! semplicemente geniale!!! ;) mi è piaciuta un sacco, e l'immagine di ron-lenticchia gigante con occhi, naso e bocca, è esilarante!!! XD

Risposta dell’autore: (Non provo neanche più a scusarmi per i miei tempi di risposta vergognosi. Però giuro, davvero, ricevere recensioni è un piacere indescrivibile. È solo che non sempre ce la faccio ad arrivare dappertutto. Perdonata? *flapflap*)rnrnGrazie infinite, sono contenta che ti sia piaciuta! Un abbraccio e a presto!

Di: tiny (Firmato) - Data: 16/04/2008 09:59 - A: Capitolo unico

Avevo già letto di mollicci dracosi ma è sempre bello e scoprirne di nuovi, la tua fic poi è scritta pure bene quindi.. :D

Risposta dell’autore: (Non provo neanche più a scusarmi per i miei tempi di risposta vergognosi. Però giuro, davvero, ricevere recensioni è un piacere indescrivibile. È solo che non sempre ce la faccio ad arrivare dappertutto. Perdonata? *flapflap*)rnrnLietissima che la storia ti sia piaciuta, grazie mille per aver commentato!

Di: T Jill (Firmato) - Data: 16/04/2008 00:30 - A: Capitolo unico

Alla fine non ce l'ho fatta a leggere tutto... eccomi in ritardo di un giorno, mannaggia. So che mi perdonerai perché sai che casino maledetto è la mia vita. *sguardo implorante* ;-)

Ultimamente le sfide ti ispirano! Sei stata fantastica nelle drabble e geniale qui. Hai scritto un'altra storia splendida!!! Il mutare delle paure di Draco, che scandiscono gli anni della sua vita, mi ha fatto l'effetto dello scorrere di un mazzo di tarocchi nelle mani di un prestigiatore dannatamente in gamba, con un controllo perfetto e disinvoltura da vendere. Quando il gioco delle dita si arresta si rimane incantati a fissare il disegno annunciato, chiedendosi come cazzo ha fatto, finché una nuova mescolata lo sottrae alla nostra vista e di nuovo le carte frusciano, le sorti si mescolano... un altro Arcano, sempre quello esattamente giusto, e ancora e ancora. *______*

Ho adorato ogni quadretto, ciascuno perfetto e assolutamente convincente. Sì, Draco deve aver avuto paura di ognuna di queste cose. Non poteva evitarlo, era fatto proprio così. *annuisce con sicurezza*

Com'è bello vederlo consapevole, alla fine, realmente cresciuto e non solo d'età, in grado di sconfiggere i suoi irrazionali timori. Si vede che Harry, restandogli accanto, ha saputo trasmettere certezze a sufficienza... ^_-

PS Anche se in ritardo Auguroni a Ny, e un abbraccio che nemmeno la Piovra Gigante è in grado di eguagliare a tutte e due, anzi a tutte e tre, perché aggiungo Lori che ha avuto l'idea di questa sfida seducentissima!!! *smack*



Risposta dell’autore: (Non provo neanche più a scusarmi per i miei tempi di risposta vergognosi. Però giuro, davvero, ricevere recensioni è un piacere indescrivibile. È solo che non sempre ce la faccio ad arrivare dappertutto. Perdonata? *flapflap*)

Come vedi, tesoro, c’è gente che ha fatto del ritardo cronico uno stile di vita…
Scherzi a parte, devo come sempre stritolarti di abbracci per il commento fantastico che mi hai lasciato. Come ho già scritto ad altri, in questo caso più che mai ho provato proprio ad immedesimarmi nel Draco canonico, quello dei libri, per capire di cosa diavolo potesse avere paura. E alla fine è stato quasi automatico pensare che i suoi timori si fossero trasformati con l’andare del tempo e con il mutare delle situazioni in cui si è trovato a vivere.
E Harry… questo Harry è quello di Lori, quello capace di fornire un centro, una stabilità, una riserva di forza a Draco.
Sono davvero felice che ti sia piaciuta, sai quanto tenga all’opinione di tutte voi! Ti abbraccio forte e ti ringrazio ancora di tutto cuore!

Di: uvaspina (Firmato) - Data: 16/04/2008 00:04 - A: Capitolo unico

Che Bella!!!

Mi piace l'idea che finalmente sia svelato anche il molliccio di Draco (complimenti a Lori per il colpo di genio della sfida ^__-) e, mi piace ancor di più, come hai saputo sfruttare il continuo incontro tra Draco ed i suoi "mollicci" (certo che a malfoy manor ce ne sono di luoghi buoi e nascosti eh?! eh eh eh ;)) per descrivere la sua crescita interiore! La forma dei suoi  M. cambia di volta in volta, man mano che Draco cresce e matura fino ad arrivare ad una paura "sana" e completamente normale, come quella di "temere l'ignoto" (che poi è una cosa così perfettamente Malfoyesca da urlare :"Canon!!!!" a squarciagola!!!).

E poi il finale con il nostro Harrry che riesce ad individuare "con precisione infallibile i momenti in cui Draco aveva davvero bisogno di lui ed era solo troppo orgoglioso e bloccato per chiedere il suo aiuto." ...Anche quando sembra impossibile riesci a farmi innamorare sempre più del nostro bel Gryffindor versione "fidanzato modello" ...Ahhhh (sospirone)...Sono così Perfetti Insieme *__*!!!

Tanti Auguri di cuore a Nykyo (è merito del suo compleanno se ci possiamo gustare un simile bocconcino ^______-) e un Bel BRAVA a lettere cubitali per te ^__*



Risposta dell’autore: (Non provo neanche più a scusarmi per i miei tempi di risposta vergognosi. Però giuro, davvero, ricevere recensioni è un piacere indescrivibile. È solo che non sempre ce la faccio ad arrivare dappertutto. Perdonata? *flapflap*)rnrnWow, grazie infinite! Mi hai lasciato un commento pieno di gentilezza e di entusiasmo, e non posso che esserne felice e lusingata. Vedi, il fatto è che io ADORO Draco. E so che lo ama profondamente anche Nykyo, che era la dedicataria di questa storia, quindi più che mai ho cercato di tratteggiare dei personaggi canonici e coerenti, che non fossero campati per aria e poco fedeli a loro stessi. Sapere di esserci riuscita è una soddisfazione grandissima.rnTi ringrazio ancora, di tutto cuore, per i complimenti e per la gentilezza!rnUn abbraccio e a presto.

Di: Magic Vale (Firmato) - Data: 15/04/2008 22:08 - A: Capitolo unico

Checcariiiiiiiiiiiiiiiiiiiiina ^_^ mollicci for president

Risposta dell’autore: (Non provo neanche più a scusarmi per i miei tempi di risposta vergognosi. Però giuro, davvero, ricevere recensioni è un piacere indescrivibile. È solo che non sempre ce la faccio ad arrivare dappertutto. Perdonata? *flapflap*)rnrnGrazie mille! ^_^

Di: slayer87 (Firmato) - Data: 15/04/2008 21:54 - A: Capitolo unico

Ma che bella storia!
Così "Draco". Forse è meglio che spieghi questa affermazione.
Il tuo Draco è perfetto nella sua "Draconeria".
Da piccolo è come lo immaginiamo tutte, viziato fino alla noia, amato e supercoccolato, e con la paura che qualcun altro prenda il suo posto. Poi cresce e la sua paura diventa quella di essere ignorato, il che rivela tutta la sua immensa fragilità, tenerissima ai miei occhi.
Altra cosa tenera è quando Draco ha paura di uccidere Silente, e poi dicono che non ha spessore, insomma, è così vivo Draco che non ho parole per descriverlo.
Romantico fino allo sfinimento quando si rende conto di quanto importante sia Harry, e dolcissimo nel finale quando glissa sul Molliccio.
Ti adoro Grace,
e tanti auguri a Ny...

un bacio,
Slayer



Risposta dell’autore: (Non provo neanche più a scusarmi per i miei tempi di risposta vergognosi. Però giuro, davvero, ricevere recensioni è un piacere indescrivibile. È solo che non sempre ce la faccio ad arrivare dappertutto. Perdonata? *flapflap*)rnrnMa grazie!!! Che commento pieno di entusiasmo, sei sempre un tesoro! Sono davvero contenta che tu abbia colto tutte le sfaccettature che ho cercato di dare al mio Draco. Credimi, per una volta, prima ancora di appoggiare le dita alla tastiera, mi sono distesa a cercare di immaginarlo davanti all’armadio, e mi sono sorpresa a chiedergli più di qualche volta: “Di cosa diavolo hai paura, Draco?”rnMi fa davvero un piacere immenso sapere che alla fine tutte le mie elucubrazioni mentali funzionino.rnGrazie di cuore, davvero, e un abbraccio!

Di: Aida (Firmato) - Data: 15/04/2008 21:34 - A: Capitolo unico

Wow, davvero una meraviglia, sì sì. Fantastica questa ff, come è stato fatntastico il tuo rendere nel tempo le paure mutevoli di Draco. E non sono mica paure così, sono tutte toste; povero, ovvio che aveva problemi *sniff* Come capisco che adesso sia autonomo e un animale riottoso; come mi viene voglia di abbracciarlo. Bellissima la sua ultima paura e come riesci a ricollegarla a quella perenne di Harry. Draco ha ragione, il moretto non deve sapere proprio tuttotuttotutto, tanto si può godere tuttotuttotutto il suo corpo; dovrebbe ringraziare il cielo che un Malfoy lo onori di tanto *sì, me invidia molto Potter, ok?* Complimenti, un kiss, Sara.

Risposta dell’autore: (Non provo neanche più a scusarmi per i miei tempi di risposta vergognosi. Però giuro, davvero, ricevere recensioni è un piacere indescrivibile. È solo che non sempre ce la faccio ad arrivare dappertutto. Perdonata? *flapflap*)rnrnSono davvero contenta che la storia ti sia piaciuta: volevo proprio riuscire a far vedere com’è e come è diventato Draco attraverso la trasformazione delle sue paure. Anche e soprattutto grazie alla presenza di Harry.rnGrazie di cuore per il commento carinissimo: ti abbraccio!

Se vuoi lasciare un commento, fai il accedi oppure registrati.
Skin designed by Sally Anderson
Google
 

 

DISCLAIMER: © di NocturneAlley.org. Nocturne Alley è online dal 29/02/2004. Tutto il materiale che troverete su questo sito, tranne dove indicato diversamente, è opera dell’amministrazione. Le Fan Art e le Fan Fiction, così come le traduzioni, appartengono ai rispettivi autori e traduttori.

Creative Commons License
Tutti i contenuti del sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons. Qualsiasi utilizzo, compresa la pubblicazione, l'archivio su altri siti, la recensione su siti pubblici eccetera, va concordato con i singoli autori, traduttori o fanartist.

Il sito declina ogni responsabilità sui contenuti delle storie.
Harry Potter e tutti i personaggi della saga sono di proprietà di JK Rowling e di chiunque ne possieda i diritti. Nessuna storia pubblicata ha alcun fine di lucro, né intende infrangere alcuna legge su diritti di pubblicazione e copyright.
ATTENZIONE: tutti i personaggi di ogni storia sono MAGGIORENNI, immaginari e non hanno alcun legame con la realtà. Qualsiasi nome e riferimento a fatti o persone reali è da ritenersi ASSOLUTAMENTE casuale.
Lo script di Nocturne Alley è eFiction ed appartiene ai suoi creatori.
La traduzione di eFiction è stata realizzata dal team di Immaginifico (e modificata dall'Amministrazione di NA).
Gli avatar appartengono a PotterPuff.



Termini di Servizio | Regole